Tag

, , , , , , , , , , , , ,

pearlChe Patrizia D’Addario diventasse un’icona della sinistra stava preoccupandomi alquanto e non penso di essere il solo a provare un certo moto di ribellione all’idea – cosa che mi è capitata quando alla stregua di ideologa dell’opposizione si è voluta far passare Veronica Lario, un ex attricetta che ha fatto bingo sposando il danaroso imprenditore… – ma avendo ieri visto la puntata di Annozero, una riflessione secondo me s’ha da fare…
Cominciando col bandire il termine ‘escort’ la domanda è: “Chi è, o meglio, chi sono le prostitute?”
Senso comune vuole che per prostituta si intenda una donna a cui si danno dei soldi in cambio della disponibiltà ad una prestazione sessuale…esaustivo ma forse limitativo…A mio parere è prostituta – declinando anche al maschile, ovviamente… – chi si vende, con l’aggravante di non sentirsi, o meglio, non dichiararsi tale…
Intendiamoci…che rampanti in carriera come Tarantini riempiano di donne i potenti di turno è cosa che si è sempre fatta; ciò non toglie che in questo vergognoso affaire il nostro presidente del consiglio ha dato ancora prova della sua arroganza, inettitudine ed inattitudine
Ma la differenza, l’elemento nuovo di tutta la giostra sta proprio in quella dichiarazione della D’Addario, nel rendere noto che lei non nasconde mica di essere una prostituta, al contrario di quella mandria di ragazzotte – di cui la Barbara Montereale vista ieri ad Annozero è un classico esempio – che per definirsi si riempiono la bocca con termini tipo ‘ragazza immagine’, ‘hostess’, ‘attrice(!)’ prima di riempirsela con qualcos’altro…
Ora, se vogliamo indicare con uno zero una persona onesta ed integerrima, a tutte queste stelline alla spasmodica ricerca di una corona da reginetta di bellezza, di una fiction, di un Grande Fratello (ancora più ‘fiction’…) tocca dare un bel cento…e alla D’Addario non più di cinquanta, visto che nel bene e nel male (a mio avviso più nel male, comunque) una differenza e notevole, viste anche le esperienze di vita, fra lei e le varie Montereale c’è eccome, con buona pace di Belpietro…

Un saluto ed all prossima

P.S.
Ho lo stomaco sensibile e non guardo mai Porta a Porta, ma a quanto pare ieri abbiamo avuto prova – un’altra… – della Rai ad uso e consumo del premier…Che gente come La Russa si svoci (già lui c’è n’ha poca di voce e pure sgangherata…) a dire che programmi come Annozero, Report, Parla Con Me dimostrano che non è vero che in Rai ci sta imposizione governativa è del tutto fuorviante, perché nessun rappresentante dell’opposizione alza la cornetta per dettare una puntata delle trasmissioni sopra citate, mentre ieri Porta a Porta era quanto di più ‘dittatoriale’ e connivente si possa osare…

Annunci