Tag

, , , , , , , , , ,

questa è proprio buona: ho appena sentito dire ‘gnazio ‘the voice’ la russa l’ennesima puttanata
a sentir lui, sarebbe giusto che chi ha incarichi istituzionali (non ho ben capito a chi si riferisse, ma ipotizziamo deputati, senatori, ministri, assessori…insomma i politici) deve prendere una mensilità in meno; praticamente undici su dodici
io non sono un fulmine in matematica ma la presa per il culo è evidente: calderoli ha appena parlato del cinque per cento che i politici dovrebbero aver decurtato dallo stipendio, facendo indiavolare chi lavora sul serio, giacchè si tratterebbe di poche centinaia di euro al mese per gente che guadagna(…) dai dieci ai quindicimila euro mensili…ora ci mancava ‘gnazio, che evidentemente ci immagina a sua immagine e somiglianza, visto che ci si rivolge con la sua genialata odierna, come se fossimo dei coglioni: decurtare una mensilità su dodici, facendo anche un calcolo sommario, vuol dire decurtare dell’otto per cento circa quei dieci-quindicimila euro di cui prima…cazzo che concessione…e teniamo presente che tutti i benefit (trasporti gratis, autostrade gratis, trattamento di fine rapporto e pensione dopo solo cinque anni) rimangono invariati…
capisco che con uno come berlusconi come boss, tutto può esser fatto e detto (vedi scajola che s’incazza con anemone che gli ha pagato casa senza avvisarlo…), ma la russa non si vergogna a proporsi come ‘fustigatore’ delle stronzate di calderoli e del suo cinque per cento annunciando una misura irrisoriamente migliorativa e quindi ancora più beffarda?
una proposta semplice semplice la faccio io…prendiamo i deputati: sono i più pagati in europa; si potrebbe semplicemente allineare i loro stipendi a quelli austriaci, i secondi in graduatoria: invece di 144.084 euro, 106.583, che comunque sono un cofano di soldi, non vi pare?
e magari niente benefit: che i politici si paghino viaggi e autostrada come tutti e gli si calcoli la pensionabilità come agli  altri cittadini

Annunci