Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,

OkNotizie
se non fossero sconci sarebbero ridicoli
e già: ho appena finito di ascoltare le ciarle di daniela santanchè ad annozero (che con quella boccuccia a prova di acido riesce a dire di tutto, purché distante anni luce dalla verità) e realizzo in pieno quanto i propagatori di fotte al soldo del nano mascarato su sopratacchi confermino quell’antico adagio che recita “più la giri, più puzza”, rimanendo pure in tema con gli olezzi che, a dar credito al catramato di arcore, contraddistinguono i leader di sinistra
la questione è davvero piana: non sanno come mettere una pezza allo sfondone di letizia ‘stanlio’ moratti nei confronti di giuliano pisapia e non si rendono neanche conto che la cosa più opportuna ed ovvia da fare sarebbero delle semplici scuse; di più: questi paladini dell’amore e della libertà stanno costringendo quei pochi neuroni in ordine sparso di cui sono ancora in possesso a trasformarsi in circensi contorsionisti nel disperato tentativo di addobbare qualche plausibile motivazione che giustifichi la boiata volutamente detta dal sindaco di milano sul finire del confronto tenutosi su sky – dove, tra l’altro ed a mio e non solo avviso, il direttore emilio carelli ha dimostrato come quell’emittente che tanto vanta terzietà ed autonomia non è altro se non una graziosa scatola da regalo ben confezionata con dentro ben poco
l’ordine di scuderia impartito perentoriamente è di far passare il messaggio che la moratti avrebbe detto quel che ha detto per mettere in luce il fatto che giuliano pisapia trentatré anni orsono ha avuto frequentazioni con terroristi
quello che non ci spiegano è come mai per enunciare una tesi così semplice ci sia stato bisogno di dire che pisapia avesse sul groppone una condanna mai presa…misteriosa la motivazione, oscura la logica
se poi, che non fa mai male, vogliamo aggiungere che trentatré anni orsono un tipetto con pochi capelli e molti capitali di incerta provenienza si teneva in casa un boss mafioso spacciandolo per stalliere e lungi da fare il sindaco, è presidente del consiglio, il mistero della motivazione si infittisce e la logica da oscura diventa nero di seppia
coerenti con le loro idiozie, non v’è soluzione di continuità nelle minkiate: se la moratti ne diceva una in chiusura di trasmissione, la santanchè con un’altra la trasmissione l’ha iniziata, affermando che pisapia si sarebbe inalberato proprio perché scoperto quest’altarino della sua amicizia con terroristi…gran cazzata: pisapia s’è giustamente adirato perché la sua contendente ha detto una sonora balla, per di più sapendo che all’avversario non era concessa risposta
e da indiscussa fuoriclasse delle cazzate quale indubbiamente è, la ‘daniela che non la dà’ ha inanellato altre prodezze logiche carpiate e con doppio avvitamento
tipo quando appena finito l’intervento registrato di travaglio che, numeri alla mano, denunciava che i nuovi sottosegretari ci costeranno circa tre milioni di euro all’anno, con la santanchè dalla plastica espressione (non nel senso di sinuosa ma nel senso proprio di plastica, rifatta…) che chiosava dicendo che l’attuale governo si è prodigato nel tagliare le spese…
siccome avrà rifatto anche quello, penso si possa affermare tranquillamente che questa la faccia ce l’ha proprio come il culo
ma il vero acuto è stato quando ha pure affermato che i nuovi sottosegretari servono per fare lavorare meglio il governo, ovviamente omettendo di spiegare (lo aveva appena detto travaglio) come può il governo lavorare meglio con neanche uno di questi sottosegretari competente per il ruolo assegnatogli
sarà forse che la danielona difende la categoria, giacché dopo aver giurato che mai sarebbe tornata col nano mascarato, si è fiondata a palla di cannone non appena si è palesato un posto da sottosegretario tutto per lei?
e tutto ciò mentre in studio aleggiava lo spettro di una grave colpa sempre a carico di giuliano pisapia, cioè che durante un suo comizio, come testimoniava una foto da un quotidiano – penso fosse repubblica – qualcuno sventolava una bandiera di hamas…
capito? uno sarebbe un sovversivo perché fa un comizio, intervengono decine di migliaia di persone più che pacifiche, ma resti un pericoloso sobillatore perché qualcuno di sua sponte sventola una bandiera di hamas…già questo sarebbe ridicolo, ma quando si scopre che quella bandiera non era di hamas ma di freedom flottilla, fra l’altro diseganta da vauro, presente in studio, la santanchè invece di alzarsi ed andarsene (come grazie agli dei una volta aveva fatto) o almeno rinchiudersi nel cesso per una decina di minuti defatiganti, ha dato dell’assassino a vauro perché – questa di logica è carpiata, avvitata e con triplo salto mortale indietro e avanti – nel forzare un blocco navale di israele (un evento che dovreste ricordare) che voleva impedire che la flottilla portasse aiuto a profughi, ci fu un conflitto a fuoco con dei deceduti
e la colpa è di vauro che ha disegnato una bandiera, non degli uzi israeliani
sì, la santanchè si lava
ma puzza uguale

Annunci