Tag

, , , , , , , , , , , , ,

questa è sublime
quando ho letto il lancio della notizia mi sono sciroppato la registrazione da ‘la zanzara’ perché, nonostante avessi letto che si trattava di un leghista (deputato al parlamento italiano e, evidentemente per obiettivi meriti, pure sindaco) non riuscivo proprio a credere che l’idiozia potesse raggiungere tali vette…
l’enunciato è semplice: la padania esiste (eccome) in quanto esiste il grana padano
no, non è uno scherzo; è quello che ha sostenuto, ripeto, gianluca buonanno (il cicciobello dal collo bloccato con tanto di fascia tricolore ritratto nella foto) un deputato al parlamento italiano nonché sindaco
e ci ha tenuto a ribadirlo nonché corroborare la sua tesi dicendo che vittorio feltri sostiene la stessa cosa…doppia cazzata: anche i bambini ormai sanno che se una cosa è sostenuta da feltri, verosimilmente è una bufala…
a questo punto lancio una petizione e, perché no, una raccolta firme per un referendum propositivo (che pure se non è previsto dalla costituzione chi se ne frega, tanto si tratta di leghisti e loro la differenza non la capiscono…) per istituire, sulla falsariga (molto falsa e niente riga) del parlamento padano che ha riaperto i battenti arrugginiti da pochi giorni:
1) il principato di sila ed aspromonte (per gli arcinoti caciocavalli)
2) il granducato di tuscia e sabina (bastano i fagioli di sutri a giustificarlo)
3) la repubblica marinara del gargano (in onore di cozze e orecchiette)
4) confederazione e libero protettorato di maremma (bistecche di chianina)
5) sacro impero dell’agro pontino (ortaggi e mozzarella di bufala autoctona; e con quel ‘sacro’ il papa non rompe i coglioni)
6) regno dello stretto di messina (pesce spada, con i cui proventi della vendita quei magnogreci calabro-siculi del cazzo si possono finanziare la costruzione di quel minkia di ponte che ha rotto le palle di mezzo mondo e fa ridere l’altra metà)

se poi vogliamo dare un lieto e sensato finale a questa stronzata, direi di importare un bel po’ di lama dal perù, farli mettere in fila davanti casa dell’onorevole legaiolo (vorrei tanto sapere dove abita…) e farlo cannoneggiare a sputazza appena mette il muso fuori
o si potrebbero radunare un po’ di black bloc (basta andare al ministero dell’interno e vedere gli appunti di maroni se li hanno conservati: ci sono scritti ad uno ad uno) e dargli appuntamento muniti di sanpietrini e molotov sempre davanti casa del buonanno e farla radere al suolo, possibilmente col sindaco-deputato all’interno, così si sfogano e non rompono il cazzo quando ci sono manifestazioni serie, sacrosante e pacifiche…

Annunci