Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

voglio essere davvero sincero
è un periodo in cui non ho molto genio per scrivere…è una specie di ‘pigrizia nera’ motivata – a questo punto lo spero… – da diversi cazzi che ho per la testa
però ci sono delle castronerie dette da coloro che sono pagati (troppo) per rappresentarci che mi fanno letteralmente venire il sangue al cervello e di conseguenza prudere le mani…
ora, se ti prudono le mani, o prendi a cazzotti uno che se lo merita, o scrivi…e siccome mi scoccia pure uscire, ho messo ballarò in sottofondo e sto scrivendo questa introduzione fin troppo colloquiale che si può benissimo saltare

in queste ore l’oscar della genialità va di diritto ai soliti chierichetti del pd
con le consuete espressioni che dei lobotomizzati al confronto loro sembrano dei quadri di ligabue, hanno dato un’interpretazione della solita debacle alle primarie che gli schiaffi si sprecherebbero
prendiamo due campioni a caso, enrico letta e giorgio tonini: secondo loro il voto ‘negativo’ palermitano sarebbe il rifiuto degli elettori della cosiddetta fotografia di vasto…fermo restando che l’alleanza di vasto possa non essere il massimo, e tenendo presente che ferrandelli io non lo conosco ma tendo a fidarmi di sonia alfano (anche se la vicinanza di soggetti come cracolici proprio tranquillo non mi fa stare), secondo questi due tomi che probabilmente sono entrati nel partito democratico con il solo obiettivo di annientarlo e far contenti i nonnetti democristiani, il ‘problema’ che un outsider primeggi regolarmente contro il candidato della nomenklatura – magari anche valido – si risolverebbe dando il benservito a vendola e di pietro per far posto a casini e rutelli; per questi ottusi pezzi di niente i successi di pisapia, de magistris ma anche zedda non fanno pensare ad un pd che si apre – come sarebbe giusto – alla società ma, al contrario, ad un partito vecchio che taglia via il rinnovamento per prendere a bordo catorci figli (politicamente parlando) di catorci…e ci s’è messo pure cacciari il quale dice che siccome se ci si butta sulle estreme e la società civile – di pietro e vendola – si perde una parte d’elettorato tal quale che se ci si buttasse sui ‘conservatori’, tanto vale imbarcare casini&co…bravo…ed è pure convinto, dovreste sentirlo
ovviamente, a questi mangiapane a tradimento non sfiora l’idea (o fanno finta di niente) che siccome i candidati di vendola e di pietro (scusatemi la semplificazione) sono vincenti, stesso dicasi per quelli della società civile tout court, il problema del pd non sono tonino, nichi e le alleanze ‘impossibili’, ma il pd stesso…fanculo…

leghisti
quanto a stronzate non si risparmiano
prima bossi che praticamente minaccia di morte il presidente del consiglio fra commenti di questo tenore ”si sa che bossi dice queste cose, va interpretato”
interpretato un cazzo: mi sono rotto di sentire dire certe cose ad uno che, a parole, odia quell’italia da cui prende i soldi e che se gli fa tanto schifo potrebbe pure lasciare per andare a rimediare un po’ di calci in culo oltralpe, mentre se quelle cose le dicessimo noi saremmo già agli arresti…e se ci dice poco culo rimediamo un po’ di quelle guardie carcerarie che al colloquio col magistrato ti ci fanno arrivare gonfio…
ciò detto, indagano il presidente del consiglio regionale lombardo – leghista – e dozzo, portavoce della lega, cosa dice? dice che siccome pini (altro campione) ha presentato l’emendamento sulla responsabilità civile, ora la magistratura ce l’ha con la lega…e certo, dei magistrati di specchiata carriera si inventerebbero tangenti milionarie (che, per la cronaca, fanno parte di una sequenza di eventi che principia un po’ di anni fa) e metterebbero a repentaglio la carriera per ripicca contro un emendamento demenziale votato con la fiducia data la vergogna
e queste dichiarazioni le fa un poratvoce ufficiale…

per chiudere cito una stronzata di stracquadanio che fa proprio il paio con quella dell’esistenza provata della padania in quanto esiste il grana padano (anche questa, ovviamente, copyright made in lega)
secondo lo stracqua, in italia non si fa la fame perché ci sono tanti obesi
vi giuro, ha detto proprio così…
poi si lamentano se qualcuno sbrocca, li aspetta sotto casa (magari di propaganda fide e ad equo canone nel centro di roma) e fa giustizia sommaria…
e sì, perchè secondo stracquadanio se ci sono orde di minchioni figli di quella percentuale di straricchi che si ingozzano nei fast food, esclude di fatto che possano esistere figli di cassintegrati che si sentono dire dai genitori che, nonostante si siano fatti il mazzo per trent’anni fra catene di montaggio, call center e macchine da cucire in serie, non possono più pagargli l’università…e questo sarebbe neanche il peggiore dei quadri…
stracquadanio, ma vai a morire ammazzato, ma sul serio…e comunque, prima di esalare l’ultimo respiro, cerca di sforzarti e provare un po’ di vergogna

Annunci