cambiali? portatele a napolitano: firma tutto…

ennesimo ‘schifo’ andato ben al di là del ‘ad personam’, visto che trattasi di provvedimento ‘pro casta’…
risibile se non patetica la reazione del pd all’ipotesi di referendum sostenuta da di pietro: troppo rischioso
come dire, meglio star con le braghe calate: a tenerle su si rischia che ce le straccino
quanto al culo di una nazione intera, chi se ne frega…

p.s.
poi lo sconcio sarebbe luttazzi

VIZIO DI FIRMA

Ok di Napolitano anche al legittimo impedimento salva-B “Ora lealtà politici-giudici”. Il premier incassa e ringrazia

di Paola Zanca

La firma è arrivata al ventisettesimo giorno utile. Prima di partire per il Vinitaly, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha deciso di dare il via libera al legittimo impedimento. Aveva tempo fino a sabato, ma deve aver pensato che era inutile partire per Verona e farsi tartassare dalle domande sull’ennesima legge ad personam. Da oggi, infatti, il presidente del Consiglio – che avrebbe prontamente ringraziato il Capo dello Stato appena appresa la notizia – e i suoi ministri potranno evitarsi il fastidio di comparire in udienza. Per 18 mesi – questa la durata della legge, in attesa di una riforma costituzionale – non avranno   più bisogno di giustificare le assenze in Tribunale: per il solo fatto di essere al governo sono legittimamente impediti a rispondere ai giudici. Lunedì 12 aprile, per esempio, Berlusconi non avrà bisogno di improvvisare viaggi all’estero, nè di darsi malato:   per non presentarsi davanti ai giudici di Milano che lo chiamano a giudizio nel processo Mediaset, gli basta una firma. La sua. Lo stesso farà il 16, all’udienza per il processo Mills. Da solo, si dirà che è giustificato a non andare in Tribunale, e lo farà anche per i suoi ministri, come Fitto, che hanno in corso procedimenti penali. Da solo ma non proprio. La firma di Napolitano gli dà il via libera di cui aveva bisogno.    Il Capo dello Stato fa sapere di aver seguito i principi già contenuti nella sentenza 24 della Corte Costituzionale. Capiamoci bene, quella è la sentenza che dichiarava incostituzionale il Lodo Schifani nel parte in cui diceva che le più alte cariche dello Stato (i presidenti della Repubblica   , del Consiglio, del Senato, della Camera e della Corte Costituzionale) “non possono essere sottoposti a processi penali, per qualsiasi reato anche riguardante fatti antecedenti l’assunzione della carica o della funzione, fino alla cessazione delle medesime”   . Ecco, nelle 18 pagine in cui i giudici della Consulta indicavano chiaramente i motivi per cui nessuno può fuggire dai processi, il presidente della Repubblica ha scelto le 12 righe in cui si nomina “l’apprezzabile interesse” ad assicurare “il sereno svolgimento di rilevanti funzioni” istituzionali. Lo stesso che aveva fatto con il Lodo Alfano: lo promulgò nel luglio di due anni fa, e anche allora si appellò alla sentenza della Consulta sul lodo Schifani. Un anno dopo, il 7 ottobre del 2009, la stessa Corte Costituzionale dichiarò che quella legge che sospendeva i processi per le più alte cariche dello Stato andava contro i principi    della Carta: violava l’articolo 3, quello sull’uguaglianza   dei cittadini di fronte alla legge, e il 138, quello per cui le riforme costituzionali non possono essere fatte con legge ordinaria, ma necessitano di un procedimento aggravato. Evidentemente per il Colle questa volta questi principi non sono stati considerati un ostacolo. Napolitano, la scelta della firma, la rivendica da sempre: a due cittadini che un mese fa gli chiedevano di non firmare il decreto salva-liste aveva pubblicamente risposto “di non rivolgersi al Capo dello Stato con aspettative e pretese improprie” perché le sue scelte sono in linea con le “prerogative che la Costituzione attribuisce al Presidente della Repubblica, nei limiti segnati dalla stessa Carta e in spirito di leale cooperazione istituzionale”.   Una scelta in realtà il presidente ce l’aveva. Come ha fatto con il ddl lavoro, avrebbe potuto rinviare il testo alle Camere e chiedere modifiche almeno sui punti che presentano i maggiori dubbi di legittimità costituzionale. Tra    le ipotesi circolate    nei giorni scorsi, ad esempio,    c’erano due punti su cui l’esame del Colle avrebbe potuto essere più approfondito: la possibilità che il legittimo impedimento sia “continuativo” (non richiesto volta per volta, ma valido per tutto il mandato) e che per con-cederlo sia sufficiente una autocertificazione della presidenza del Consiglio. Napolitano adesso parla di un “contesto” di “leale collaborazione istituzionale fra autorità politica e autorità giudiziaria”: un’intesa, dunque, che non dovrà limitarsi   al provvedimento promulgato ieri. Ora che ha ottenuto lo “scudo” – sembra chiedere il presidente – anche la politica sia leale con la magistratura. E faccia un passo indietro sul ddl sulle intercettazioni. Non è un caso che il Colle abbia atteso così a lungo prima della promulgazione di ieri. Aspettava segnali di distensione – dopo la bufera sul salva-liste e la torrida campagna elettorale – per decidere il da farsi. E la maggioranza si è adoperata per dargliene. Giovedì sera il presidente ha molto apprezzato la visita al Quirinale di Berlusconi e ieri – dopo il vertice tra Bossi e il Cavaliere – ha voluto ricevere anche il ministro Calderoli per capire se il cammino delle riforme condivise questa volta fosse cominciato davvero. Il banco di prova prescelto potrebbe essere proprio il ddl intercettazioni e la riforma della giustizia. Che, negli auspici   del Quirinale, dovrebbero essere affrontati con una maggiore cautela dalla maggioranza che, con il legittimo impedimento, ha già incassato un risultato importante. Non a caso il Pdl ha rallentato l’iter della legge, rimandando il calendario dei lavori in commissione Giustizia al Senato per “cercare un dialogo con l’opposizione”. Il rischio è che però questo dialogo – nonostante ieri sera il Cavaliere si sia detto pronto ad un incontro con i leader dell’opposizione – si riduca alle premesse già annunciate dal ministro Alfano. Non si impiccheranno per un aggettivo, promette: sono disposti a togliere la parola “evidenti”, vicino agli indizi di colpevolezza che consentiranno di procedere alle intercettazioni. Ma la disponibilità al confronto potrebbe esaurirsi con questa sbianchettata. E a quel punto anche il Quirinale dovrebbe rassegnarsi a capire con chi ha a che fare.

fonte: il fatto quotidiano

Cosa prevede il testo

Ecco, in pillole, cose prevede il ddl sul legittimo impedimento promulgato oggi dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Principio cardine: per il presidente del Consiglio, chiamato a comparire in udienza in veste di imputato, costituirà legittimo impedimento «il concomitante esercizio di una o più delle attribuzioni previste dalle leggi o dai regolamenti». E stessa cosa varrà per i ministri.

Questo, in sintesi, il contenuto del provvedimento che era stato messo a punto dal capogruppo del Pdl in commissione Giustizia di Montecitorio, Enrico Costa e dal vicepresidente del gruppo Udc Michele Vietti.

I RIFERIMENTI A LEGGI E REGOLAMENTI – Nella norma, composta di due articoli, si indicano nel dettaglio leggi e regolamenti che disciplinano le attività del premier e dei suoi ministri e che dunque possono essere considerate legittimo impedimento.
In particolare si indicano: gli articoli 5-6-12 della legge 23 agosto 1988 n.400 e successive modificazioni; gli articoli 2,3 e 4 del decreto legislativo 30 luglio del 1999 n.303 e successive modificazioni; regolamento interno del Consiglio dei ministri di cui al decreto del presidente del Consiglio dei ministri 10 novembre 1993.

ATTIVITÀ “COESSENZIALI” – Dopo l’elenco minuzioso delle norme che indicano le funzioni di premier e ministri, si spiega che saranno comunque oggetto di legittimo impedimento anche tutte quelle attività «coessenziali» alle funzioni di governo. Termine, nota l’opposizione, peraltro non presente nel vocabolario classico della lingua italiana. Il giudice, su richiesta di parte, in caso di legittimo impedimento, dovrà rinviare il processo ad altra udienza.

CERTIFICAZIONE DI PALAZZO CHIGI – A certificare che esiste un impedimento «continuativo e correlato allo svolgimento delle funzioni», sarà la Presidenza del Consiglio. In questo caso il giudice rinvia il processo «ad udienza successiva al periodo indicato che non può essere superiore a sei mesi».

PRESCRIZIONE – Il corso della prescrizione rimane sospeso per tutta la durata del rinvio («secondo quanto prevede l’art.
159 del codice penale primo comma n.3 e si applica il terzo comma dello stesso articolo»). Il che significa che si sospende il corso della prescrizione quando c’è «la sospensione del processo per ragioni di impedimento delle parti e dei difensori o su richiesta dell’imputato o del suo difensore». In caso di sospensione (si legge sempre nell’art.159 primo comma n.3) «l’udienza non può essere differita oltre il sessantesimo giorno successivo alla prevedibile cessazione dell’impedimento, dovendosi avere riguardo in caso contrario al tempo dell’impedimento aumentato di sessanta giorni». La prescrizione (si legge infine nel terzo comma del 159) riprende il suo corso dal giorno in cui è cessata la causa della sospensione.

SI APPLICA AI PROCESSI IN CORSO – La normativa si applica anche ai processi penali in corso, in ogni fase, stato o grado alla data di entrata in vigore della legge.

IN ATTESA DELL’APPRODO COSTITUZIONALE – Il testo si applica «fino all’entrata in vigore della legge costituzionale» che dovrà contenere «la disciplina organica delle prerogative del presidente del Consiglio e dei ministri». E che dovrà anche fare riferimento alla «disciplina attuativa delle modalità di partecipazione» di premier e ministri ai processi. Comunque la sua efficacia non potrà durare più di 18 mesi dalla sua entrata in vigore, salvi i casi previsti dall’articolo 96 della Costituzione nel quale si parla della possibilità di sottoporre alla giurisdizione ordinaria il presidente del Consiglio e i ministri per reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni, previa autorizzazione delle Camere di appartenenza.

SERENO SVOLGIMENTO FUNZIONI GOVERNO – L’obiettivo della norma è quello di «garantire il sereno svolgimento delle funzioni» di governo. La legge entrerà in vigore il giorno dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

07 aprile 2010
fonte: l’unità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...