la strategia

storace (linea notte di un paio di giorni fa’) ha detto una cosa buona ed una assurda: 1) che era banalmente evidente che il presidente del consiglio condizionasse la rai;  2) che non c’è nulla di strano nelle telefonate con minzolini ed innocenzi…ad avvalorare questa tesi tipica di un individuo che la democrazia e la libertà d’informazione non sa neanche dove stanno di casa, c’è la candida ammissione che anche lui ha chiamato in passato in rai se aveva da lamentarsi
a parte che se storace fa qualcosa non vuol dire che sia ben fatta, un conto è chiamare per lamentarsi di qualcosa, altro è mettere sotto torchio un membro dell’agcom e intrallazzare col direttore del tg1 affinché trasmissioni che per il semplice fatto di dire la verità danno fastidio, siano ostacolate fino ad ottenerne la chiusura grazie ad una interpretazione schizofrenica della par condicio
è quindi fin troppo evidente come espressioni del tipo ‘trasmissioni pollaio’ facciano parte di una strategia che ha le sue origini specifiche ai tempi del triste ‘editto bulgaro’, mentre l’origine madre può essere circoscritta a quella merda della p2, che riguardo all’informazione aveva un ‘progetto’ che si sta tentando di mettere a regime da tanto, troppo tempo…

“RAI, CHIUDO TUTTO”

Nell’inchiesta sul bavaglio-tv l’ordine di Berlusconi all’Agcom: “Aprire il fuoco” su Santoro e le altre trasmissioni scomode

di Antonio Massari

Bisognava aprire il fuoco su Annozero e tutte le trasmissioni che le somigliavano. Era questo che Berlusconi e il commissario dell’Agcom Giancarlo Innocenzi si dicevano al telefono, alla fine del 2009, nelle settimane in cui ipotizzavano di mettere in atto una “strategia” per fermare Santoro. “Dovete fare qualcosa che consenta alla Rai di dire: chiudiamo tutto” diceva Berlusconi. Innocenzi non si ribella. Anzi. È pronto ad “aprire il fuoco” nel giro di pochi giorni. Il premier ribatte che non ci si può limitare a Santoro: il fuoco va aperto su tutte le trasmissioni che somigliano ad Annozero. Berlusconi è esasperato da Santoro. Ma anche Floris, con Ballarò, gli crea dei fastidi.   Non riesce più a sopportare “la faccia” di Di Pietro in televisione. È inaccettabile che esistano trasmissioni con un pubblico “di parte” che applaude anche quando vengono prospettate “cose che non sono vere”. Il Cavaliere “mira” a proteggere la tv di Stato, ecco la sua concezione: la gente finirà per non pagare più il canone perché non vuole che i propri soldi finiscano a Floris e Santoro.   Nell’ultima puntata ha chiamato durante la diretta il presidente dell’Agcom Calabrò per dirgli “questa trasmissione è oscena” e Innocenzi lo tranquillizza: “Apriremo un’istruttoria anche per il passato”.Peraprireilfuoco,però, è necessario che all’Agcom arrivino gli esposti: l’Authority, infatti, non può agire autonomamente, ma ha bisogno di un impulso, di qualcuno che presenti una sorta di denuncia. Chi? Nell’ultima puntata di Annozero, per esempio, s’è parlato anche dei carabinieri. Sarebbe “utile un esposto dell’Arma”, dice Innocenzi. E Berlusconi pensa che si potrebbe parlare con il generale Gallitelli.      La settimana televisiva, però, per il premier è davvero dura da masticare. Viene a sapere che San-toro vuol mandare in onda una puntata sul caso Mills. È in questo momento – durante l’ennesima telefonata tra Berlusconi e Innocenzi – che si parla di una “strategia”. Innocenzi, da parte del premier, deve aver subìto parecchi sfoghi sulla futura messa in onda del caso Mills. E lo confida ad Alessio Gorla, consigliere d’amministrazione Rai. Innocenzi dice che il “capo” – riferendosi a Berlusconi, non a Calabrò, presidente dell’Agcom – sta “incazzato come una biscia”. È addirittura “idrofobo”. E coinvolge anche Gorla nella “strategia” da mettere a punto. Berlusconi continua a chiamare. Innocenzi continua a spiegare che si sta muovendo. Ma la “strategia”, come abbiamo raccontato nel Fatto Quotidiano di ieri, non va a buon fine. Non come avrebbero desiderato il Cavaliere e Innocenzi, almeno, che nel frattempo ha coinvolto anche il direttore generale della Rai, Mauro Masi   . La trasmissione su Mills andrà in onda. E Berlusconi alza il livello delle lamentele: “Non fate nulla?”. Innocenzi si schermisce dicendodinonaverricevutoalcuna   informazione ufficiale sulla puntata di Annozero. Berlusconi si stupisce: che c’entrano le comunicazioni ufficiali, visto che la notizia è su tutti giornali? Innocenzi prova a spiegargli che esistono delle regole. Che l’ufficialità non è data dagli articoli, ma dalle procedure, e dalle comunicazioni che, spiega, non sono ancora arrivate. La tensione arriva all’apice: Berlusconi definisce l’Agcom una “barzelletta”. Il presidente Calabrò dovrebbe vergognarsi. Non meritano lo stipendio. Fanno “schifo”, urla che l’Agcom “non è un’authority”. Innocenzi prova a calmarlo   , spiegando che c’è ancora tempo, che sta aspettando notizie da Masi e Calabrò. La “strategia” però, come sappiamo, non andrà in porto.    Innocenzi è disperato. Confidandosi con un amico, dice che da Santoro stanno per esplodere le “bombe atomiche” contro il presidente del Consiglio. Non regge più, il commissario dell’Agcom, e ammette: Berlusconi mi “manda a fare in culo ogni tre ore”. Berlusconi vorrebbe che lui, membro dell’Agcom, l’aiutasse a impedire la trasmissione di Anno-zero. “Ma ti sembra normale?”,   chiede all’amico. Lui non può far nulla. Se Berlusconi varasse “una legge che cambia l’autorità”, forse qualcosa si potrebbe fare, ma così si può intervenire soltanto dopo le trasmissioni. Non prima. E quindi: Innocenzi e l’Agcom non possono far nulla. Le lamentele del premier aumentano sempre più, cadenzate dalle puntate di Annozero. Innocenzi, a volte, dice a Berlusconi di essere sempre più “incazzato”: arriva persino a descrivere situazioni surreali. Come quando racconta d’essersi presentatodalpresidentedell’Agcom, Calabrò, addirittura come un “tupamaro”. Dice che è andato a trovarlo con le “bombe addosso”. E il Cavaliere, al termine della telefonata, conclude: messa così, insomma, non si può più parlare di servizio pubblico.

fonte: il fatto quotidiano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...