le ‘ripassate’ di bertolaso

comincio davvero a chiedermi se qualcuno prima o poi non si rompe le scatole del tutto e  demolisce gli scempi facendoli saltare in aria con dell’esplosivo…una sorta di terrorismo ecologico…
scherzi a parte (ma non troppo…) a leggere certe cronache altro che arresti e indagini: ti vien voglia di prenderli a calci nel sedere facendogli fare il giro dei loro stessi abusi edilizi e scempi paesaggistici

Cemento e beauty. Il club esclusivo di Bertolaso

di Marco Bucciantini

Il posto della «ripassata» accoglie la fiumana di clienti con uno slogan evocativo: «Oltre l’immaginazione». Che corre fra le luci sfocate e armoniose del centro benessere e sale per una scala curva, dove un tizio si fa posto con l’asciugamano stretto in vita. Chissà se è diretto nella «stanza dei sogni», quella con il cielo stellato (gli adesivi li vendono in qualunque cartoleria), o se invece finirà spalmato d’olio nella cabina che avvolge con lo scenario dell’oceano. Al ricevimento, Maria ha già deciso: «È tutta merda…queste sono brave persone». Laura – la segretaria citata nelle intercettazioni – non c’è. Tutti vogliono Francesca: «Non sappiamo chi sia», mentono le numerose e sorridenti ragazze del personale. Qui, nelle stanze del primo piano, secondo i magistrati, Guido Bertolaso veniva all’incasso dei suoi favori, come dimostrerebbe la telefonata del 21 novembre 2008: «Sono Guido, buongiorno…sono atterrato in questo istante dagli Stati Uniti…se oggi pomeriggio Francesca potesse…io verrei volentieri…una ripassata».

Più d’una, scrivono i giudici. «Andavo allo Sport Village per delle sedute di fisioterapia – dice il capo della Protezione civile al Tg2 – e Francesca è una signora perbene alla quale ricorrevo per lo stress che ogni tanto mi colpisce». Massaggi o ripassate, venivano consumati nel centro benessere di proprietà di Diego Anemone e gestito da Simone Rossetti. I due – 50 giorni prima della ripassata – avevano organizzato «una cosa megagalattica per Bertolaso: con due, tre “situazioni”…di qualità…a lui piace così, eh la Madonna!».

«Devo accompagnarvi fuori». Il Salaria Sport Village è sulla statale, al chilometro 14,500, dove un cartello sulla destra annuncia l’abitato di Settebagni. I tre mila soci sono protetti da una pattuglia sparsa di guardie private. Dunque Francesca c’è, «sì, è una ragazza mora, ha meno di 30 anni». Ma è una caccia piccola in un posto enorme dove oggi il sospetto è massimo: buffo, intorno è tutto pressoché “illegale”, costruito in deroga sul greto esondabile del Tevere, esentasse, e una parte (l’ultima) della struttura infatti è sequestrata da otto mesi. Però i giornalisti non possono starci. Ecco invece cosa c’è: 8 campi da tennis, 5 campi di calcio di varia grandezza, piscina olimpionica, palestra da 2 mila metri quadri, bar, centro benessere, parcheggi, foresterie (41 camere), spogliatoi per diverse squadre di pallanuoto. Fermiamoci qui: foresterie e spogliatoi (sotto sequestro).

Sono una parte della ristrutturazione da 37 milioni di euro e furono giustificate così: «Serviranno agli atleti e alle Federazioni per gli allenamenti durante i Mondiali di nuoto». Ovviamente non s’è visto nemmeno un atleta, ma con quest’astuzia la ristrutturazione rientrò nella zona grigia delle ordinanze per i grandi eventi della Protezione civile. E 160 mila metri cubi di lavori sono stati realizzati senza un documento: in deroga. Anche al piano regolatore cittadino, nonostante una sentenza della Cassazione vietasse questa protervia perfino alla Protezione civile, qualora si fossero compiute opere durevoli (e questa è indelebile).

La firma del protocollo è dell’autunno del 2008, nei giorni delle telefonate fra i gestori e Bertolaso che vorrebbe la ripassata, e Anemone che sprona un “allarmato” Rossetti: «Ci costerà qualche soldino…». «Non me ne frega un cazzo», risponde l’altro. Ne frutterà molti di più. Rossetti s’adegua e la sera del 14 dicembre chiude il villaggio al pubblico e fa giungere una donna di nazionalità brasiliana, di nome Monica («una prostituta», scrivono i magistrati) che intrattiene Bertolaso. Il protocollo d’avvio per i lavori lo firma il commissario delegato per i Mondiali di nuoto Claudio Rinaldi, che ha sostituito Angelo Balducci, padre di Filippo, uno dei proprietari (l’altro è Anemone) della Società sportiva romana Srl che ha fondato questo villaggio.

Il Tevere scorre rapido dietro il campo di calcio. La terra è tenera, vietata. È l’Agro romano, nell’alveo del fiume: non si può costruire. Invece lo fanno, sfacciatamente, acquistando questi terreni come agricoli – quindi a prezzo stracciato – nel 2005. Beffando le proteste dei cittadini di Settebagni e di Castel Giubileo, l’esposto di Italia Nostra (in procura) e le denunce politiche (fra tutti: il consigliere Pd nel IV municipio Riccardo Corbucci). Sul cartello del cantiere non c’era nessun permesso, ma solo l’autorizzazione del commissario Angelo Balducci. Lui stesso aveva “retto” l’istruttoria per decidere se costruire o meno. A quella conferenza arrivò il parere contrario di Comune e Provincia di Roma. Se ne fregano, e vanno avanti, risparmiando anche gli oneri accessori che su 37 milioni di lavori preventivati porterebbero nelle casse del Comune almeno 8 milioni di euro, da usare per opere pubbliche, di servizio: l’esoso Sport Village non può esserlo.

Così nel settembre del 2008 Bertolaso ripassa e cominciano i lavori: vengono assegnati alla Redim 2002, di proprietà della signora Vanessa Pascucci, toh, la moglie di Balducci. Deve costruire nuove piscine, le camere, il campo da golf e il campo per il tiro con l’arco. Le frecce cercatele nel fondo del Tevere.

12 febbraio 2010
fonte:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...