quel birbantello di brunetta…

come già esplicato, rubare non significa necessariamente sottrarre qualcosa…
ecco che brunetta ci riprova
breve cronistoria dell’anti-fannullone legalista:
diventa professore associato grazie ad una sanatoria pro precari (leggi: senza aver vinto alcun concorso); viene bocciato al concorso per ordinario tenuto a roma; ci riprova a teramo – concorso ‘farsa’: per un posto tre vincitori, fra cui ovviamente il miniministro –
è consulente di de michelis, di fatto contribuendo allo sfacelo delle finanze pubbliche del periodo craxista, alla faccia delle tanto decantate operatività, trasparenza e oculatezza nelle spese
ha avuto una casa a roma al costo irrisorio di 350 euro ed è proprietario di una villa dal milionario valore accatastata come ‘rudere’…
nell’articolo in basso leggete cose si è inventato il tipo per lucrare consenso alle elezioni per il comune di venezia
ovviamente brunetta concorre alla carica di primo cittadino ma col cacchio che si è dimesso da ministro

p.s.
a proposito di de michelis, è quello che di escort ne adoperava due per volta, sempre a spese nostre

Brunetta sembra Lauro, regala case per i voti

di Mariagrazia Gerina

Nel dopoguerra, a Napoli, Achille Lauro distribuiva concretissimi pacchi di pasta. Sessant’anni dopo, a Venezia, il ministro della funzione pubblica Renato Brunetta, candidato sindaco del Pdl, si adegua ai tempi e alla fame di case che affigge il belpaese. «Caro Concittadino… la casa potrà essere sua a condizioni particolarmente vantaggiose», recita la sua lettera che migliaia di inquilini che vivono nelle case popolari di proprietà Ater stanno ricevendo in queste ore. Come il ministro abbia ottenuto gli elenchi è tutto da spiegare. Quello che è chiaro è che l’offerta elettorale è a costo zero per il candidato. Fatte salve le spese di spedizione. Mentre a pagare, se Mr anti-sprechi dovesse vincere e mantenere le promesse, sarebbero i contribuenti.

Considerando che l’intero patrimonio pubblico è di circa 10mila alloggi. E Brunetta intende metterlo in vendita per intero. A prezzi stracciati. L’offerta – infatti – rivolta agli inquilini delle case di Comune e Regione – ma Brunetta non si candida solo a governare il Comune? – lascia all’inquilino la scelta «se trasformare l’affitto in una rata di riscatto dell’abitazione, tenendo conto dei canoni già versati fino ad oggi» o «se acquistare subito, in un’unica soluzione, l’abitazione nella quale si risiede, sempre conteggiando gli affitti già versati». Ad ogni modo i conti sono presto fatti. Con 20mila euro ti ritrovi proprietario di una casa che sul mercato vale molto di più. Come annota un articolo della stampa locale, prontamente ripubblicato dal candidato sul suo sito.

Una operazione tutta in perdita per la parte pubblica. Un “regalo” per chi per altro è già tutelato come assegnatario di un alloggio popolare. E «naturalmente se dovesse decidere che non le interesa, potrà continuare a sostenere il canone d’affitto come ha fatto finora», rassicura Brunetta, sapendo che in realtà la propensione all’acquisto tra gli inquilini di alloggi sociali è molto bassa. «Difficile considerare un simile gesto politico portatore di equità», osservano dal comitato elettorale di Giorgio Orasatti. Tanto più che la richiesta di case popolari resta alta. E attualmente ci sono cira 2mila persone in lista d’attesa. E ci vorrebbe il ricavato di sette case vendute a quei prezzi – osservano sempre al comitato di Orasatti – per comprarne una nuova da destinare a chi ne ha bisogno.

23 febbraio 2010
fonte: l’unità
Annunci

1 risposta a “quel birbantello di brunetta…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...