votate, comunque la pensiate

ha ragione padellaro: questo voto non renderà di colpo dei galantuomini la feccia che ci ritroviamo a sinistra – per la feccia di destra non basterebbe neanche un miracolo fatto dal padreterno in persona (a proposito, pare che anche lui voglia ‘scendere in campo’, visto gli arzilli mafiosi, riciclatori, pedofili mendaci e conniventi che indossano tonache, abiti talari, porpore e candidi bianchi in nome suo…) – ma di certo sarà l’occasione, la madre delle occasioni per manifestare democraticamente e civilmente l’indignazione, la rabbia sacrosanta verso colui, o meglio, coloro che hanno letteralmente inquinato a livelli prossimi all’irreversibilità gli equilibri dell’italia

al voto, checché né pensiamo

SÌ, UN VOTO CONTRO DI LUI

La sua sfida: o con me o con i giudici e la sinistra

di Antonio Padellaro

S i sente dire: ero incerto ma dopochehovistoBerlusconi impazzare su tutte le reti andrò a votare. La teoria dell’effetto boomerang, tante volte evocata (soprattutto dal “Corriere”) a proposito di Santoro stavolta rischia di colpire il padrone delle televisioni. Anche chi scrive ha seri motiviperdiffidaredeipartitidella cosiddetta opposizione. Sempre meno credibili soprattutto a livello locale. Sempre più afflitti da clientele e trasformismo a scapito dei tanti galantuomini che ancora praticano una politica pulita. E dunque finché la partita era giocata sul tavolo delle amministrazioni regionali (come era giusto che fosse) un certo tipo di astensione consapevole sembrava farsi strada tra i poveri elettori del centrosinistra.   Le uniche eccezioni potevano riguardare personaggi per diversi motivi controcorrente e dunque degni di attenzione. Emma Bonino, impegnata nell’impresa impossibile di governare Roma e il Lazio avendo contro tutti i possibili poteri forti, a cominciare dai monsignori e dai proprietari di cliniche. Il Nichi Vendola pugliese che dopo aver schiantato nelle primarie il candidato di D’Alema e dribblato lo scandalo escort e tangenti ( Frisullo era il suo vicepresidente in giunta), sfida per la seconda volta l’armata berlusconiana con buone possibilità di ripetere il miracolo. Il Movimento 5 Stelle che, comediceBeppeGrillo,hailnonpiccolo merito di aver dato in queste elezioni una possibilità a ragazzi e ragazze, ingenui e incensurati. Tutto qua. Berlusconi si avviava dunque verso un nuovo trionfo elettorale, sia pure per abbandono dell’avversario quando ha pensato bene di esagerare. Prima imbavagliando Annozero e tutti gli spazi   televisivinonancoraaddomesticati. Suscitando però Raiperunanotte, che sarà ricordata come la prima rivolta civile di massa per il diritto all’informazione. Poi, ecco l’indimenticabile scena di lui che nel Tg1 del Minzolini signorsìsignore, sottotitolato come   presidente del consiglio e addobbatoconiltricoloreordinadi“tracciare la croce sul nome Polverini”. Dall’aria che tira questa non dovrebbe passarla liscia. In fondo dobbiamo ringraziarlo. Quando lui dice o con me o contro di me rende tutto più semplice.

fonte: il fatto quotidiano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...