il pd festeggia (cosa non si sa)

DEMOCRATICA FESTA TUTTI INVITATI TRANNE DI PIETRO

Reggio Emilia, alla kermesse del Pd ci saranno Vendola e Casini

di Wanda Marra

Hanno invitato praticamente tutti, tranne lui, il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro. D’altra parte sarà una festa di governo, magari anche di governissimo quest’anno quella del Partito democratico. Mancano due settimane a quello che un tempo fu l’appuntamento storico del Pci, la Festa dell’Unità e che dal 2008, parafrasando il nome del partito, si chiama più pianamente Festa democratica. Quest’anno sarà in un luogo tradizionale e simbolico, a Reggio Emilia, terra della tradizione rossa, in piena zone del terremoto. Apre il 25 agosto Pier Luigi Bersani, chiude, sempre lui, il 9 settembre.

Il programma è un gioco di incastri di agende e di opportunità politiche, e dunque non è ancora finito (sarà reso noto tra il 20 e il 22 agosto), ma gli inviti sono partiti. Grande escluso, Di Pietro : un divorzio politico che si è conclamato definitivamente nelle ultime settimane, con l’asse Bersani-Vendola che ha scelto l’Udc di Pier Ferdinando Casini e ha fatto fuori dall’alleanza il leader dell’Idv. D’altra parte, negli ultimi tempi di stracci e di insulti ne sono volati. L’unico a condividere la sorte di “persona sgradita” è Beppe Grillo.

Eppure negli anni di ospiti più o meno politicamente scorretti ce ne sono stati in quello che dagli anni 70 in poi è stato l’appuntamento centrale della ripresa politica. D’altra parte ogni edizione ha il suo sapore: nel veltroniano 2008 a Firenze, tra gli altri andarono pure Tremonti e Bossi; nel 2009, a Genova, in piena lotta per la segreteria, scomparse il comizio finale; nel 2010 a Torino fu invitato persino Renato Schifani, sommerso di fischi (come Bonanni); l’anno scorso a Pesaro fu quello delle diserzioni illustri (evidentemente tutto succedeva altrove).

Questo è l’anno elettorale. E il Pd prova a pensare in grande. Ci saranno di certo i futuri alleati, che il Pd spera di governo, Casini e Vendola. In omaggio alla grande coalizione è stato invitato anche il segretario Pdl, Angelino Alfa-no. Fedeli alla linea prescelta, attesi i tre leader confederali, Susanna Camusso (Cgil), Luigi Angeletti (Uil) e Raffaele Bonanni (Cisl). Non ci dovrebbe essere invece Maurizio Landini, né nessuno della Fiom.

In arrivo tutti i “cosiddetti” big del partito, compreso il (semi)reietto Matteo Renzi, il sindaco di Firenze, che da minaccioso competitor di Bersani alle primarie, rischia di rimanere nel ruolo di eterno sfidante.

Oltre al capitolo “grande coalizione” c’è il capitolo tecnico: sono stati invitati tutti, dal presidente del Consiglio, Mario Monti, ai ministri Corrado Passera e Antonio Catricalà. Oppure Fabrizio Barca, ovviamente. Partito un invito anche per la contestatissima Elsa Fornero. Per ora gli unici confermati sono Renato Balduzzi (Salute) e Francesco Profumo (Università). Chissà se Monti o lo stesso Passera che potrebbero approfittare della volata democratica per insediarsi a Palazzo Chigi nella prossima legislatura (al posto di Bersani che ci sta provando) si andranno a misurare con la platea di Reggio Emilia.

Tra i capitoli del Pd di governo c’è anche quello che riguarda la questione spinosa delle liste civiche. Invitati tutti i Sindaci, sia quelli che hanno per loro “riferimento” l’Idv, come Luigi De Magistris (parola sua) ai primi cittadini di Genova, Milano, Cagliari Marco Do-ria, Giuliano Pisapia, Massimo Zedda.

E IN PARALLELO alla definizione del parterre politico, c’è quello giornalistico. Programma ancora necessariamente in fieri. Tra gli invitati di sicuro ci sarà Ezio Mauro, direttore di Repubblica, quotidiano dato qualche mese fa come promotore di una lista apparentata al Pd. A dimostrare che quest’anno i Democratici ci provano a giocarsi tutte le sue cartucce a livello elettorale c’è pure il parterre delle serate: dopo anni torna Roberto Benigni.

E intanto, nonostante il terremoto, i dirigenti del Pd locale sono pronti a giurare che anche quest’anno le feste sono partecipatissime . Ammette Andrea Rossi, responsabile organizzazione del Pd di Reggio Emilia: “Certo, in alcune zone, c’è stata una flessione delle presenze del 7-8 per cento, masoprattuttoperilcaldoelacrisi. E in alcuni paesi del modenese non siamo riusciti a farla la festa. Ma nel complesso le cose vanno bene”. Lino Paganelli, storico responsabile delle Feste Democratiche racconta: “Abbiamo speso meno degli altri anni. Un 25 – 30 per cento in meno”. Forse per via del taglio dei finanziamenti pubblici ai partiti? “No, perché viceversa le feste finanziano il partito con i loro incassi. In generale ci sono meno soldi che girano. Ma questo non è un male, no?”. Una festa di governo, in fondo, non può che cominciare dai tagli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...