lusi è un cazzaro?

Per la procura “accuse di Lusi poco credibili”

AVVIATI ACCERTAMENTI SULLE RIVELAZIONI DELL’EX TESORIERE. A PARTIRE DALLA LETTERA SIGLATA FR

di Rita Di Giovacchino e Valeria Pacelli

Ossessionato. È l’aggettivo più frequente con cui Lusi descrive lo stato d’animo di Rutelli. A preoccupare il presidente la necessità di “drenare liquidità” dalle casse, per impedire al Pd di appropriarsi degli 88 milioni piovuti a pioggia sul disciolto partito a partire dal 2007, ma soprattutto essere intercettato o spiato. Trattava Lusi bruscamente e aveva sempre il televisore a tutto volume perché i loro colloqui non fossero ascoltati. Quando lui manifestava dubbi sui rischi che comportava una certa operazione, la risposta era: “Arrangiati, sei ben pagato per questo”. Nel 2008 era stato a un passo dal non essere ricandidato al Senato. “Ti do l’amministrazione di un ente pubblico”, gli aveva detto, ricorda Lusi che Rutelli all’epoca era ministro dei Beni culturali.

In un appunto scritto a mano elenca all’ex tesoriere alcuni compiti da eseguire. “Luigi, 1 la vicenda dei tre (Sensi, Podda e Cucinotta) va risolta entro Natale, 2 Ho incontrato Tommaso, tutto a posto. 3 Parla con Improta su punto 1, su vicenda dei 600 e sui soldi del Pd che sono stati gestiti frettolosamente e male per paura”. L’appunto, siglato FR, è stato consegnato da Lusi sabato pomeriggio ai magistrati. Tommaso è un parlamentare passato all’Api, Improta un dirigente del partito. Ma il punto nodale è indubbiamente il terzo. I “600”, a dire di Lusi, sarebbero la quota di 1 milione e mezzo di euro da spartire con i Popolari secondo quel 40/60 da lui più volte descritto. In quest’occasione però quei soldi erano destinati a varie fondazioni, spuntate come funghi per consentire il trasferimento dei fondi elettorali alle varie correnti: 100 mila erano destinati a Renzi, 200 mila a Centocittà e 300 mila al Centro futuro sostenibile (fanno entrambe riferimento a Rutelli). A ben leggere c’è una sorta di rimprovero che riguarda i rimborsi dell’Ue al Pd “frettolosamente gestiti”. In realtà Lusi li aveva restituiti perché non spettanti al disciolto partito e Rutelli si era arrabbiato, tanto da invitarlo a parlarne con Improta. Lusi gli risponde con una lunga mail di dieci pagine, anche questa agli atti, dove si dispiace per il rimprovero chiarendo che non c’era altro da fare perché i controlli della Ue sono rigidissimi. Segue un’altra mail, sempre di dieci pagine, su cui dettagliatamente Lusi resoconta altre iniziative “fiduciarie”. Difficile stabilire un crinale tra opacità politiche e responsabilità penali che al momento sono ricadute soltanto su di lui. Al vaglio ci sono questi documenti, che risolgano alla fine del 2009, accompagnate da spiegazioni che definiscono “il sistema”. C’era tra i rutelliani la consapevolezza che queste operazioni fossero illecite, tanto che i versamenti non superavano i 48 mila euro, proprio per sfuggire i controlli della Uif. Anche il versamento a Matteo Renzi sarebbe avvenuto in due tranche e analoghe cautele erano prese con i contributi alle fondazioni: “A Futuro sostenibile ho versato oltre 1.800 mila euro, sempre in piccole tranche”, ha ribadito nell’interrogatorio fiume di 7 ore e mezzo che produrrà almeno 350 pagine di verbali. All’interno emerge con forza il ruolo di Rutelli nella gestione finanziaria del partito, smentendo quando diceva: “Mica faccio il tesoriere io”. ,

Eppure le rivelazioni di Lusi, annunciate dopo il voto al Senato, in procura al momento non sembrano aver sortito l’effetto sperato. I pm sono apparsi scettici sulle nuove accuse, ma il veleno del dubbio si è insinuato e oggi al rientro del procuratore Pignatone si deciderà il da farsi. Gli accertamenti saranno comunque avviati. A partire dall’ipotesi che il presidente dell’Api possa essere iscritto sul registro degli indagati come atto dovuto. Rutelli è furente e si accinge a presentare la terza querela per calunnia nei confronti di Lusi cui predice di fare la fine di Igor Marini. Enzo Bianco invece puntualizza: “Non sono mai stato Popolare, forse mi confonde con un altro, i finanziamenti ricevuti li ho sempre utilizzati per l’attività politica, Lusi ha smarrito il senso della realtà”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...